IL CNSAS Mondiali di scialpinismo e CNSAS

di Sgobaro Roberto

Sono appena terminati i campionati mondiali di scialpinismo che ha visto atleti di parecchie nazioni cimentarsi sulle montagne dell' Alpago e di Piancavallo. La difficoltà delle gare, in particolar modo quelle della scorsa settimana, in Val Salatis erano dovute allo scarso innevamento che ha messo a dura prova sia organizzatori che atleti. In particolare Venerdì con parecchio vento e nebbia su tutto il percorso. Ma anche questa settimana, durante le gare in Piancavallo il tempo non è stato clemente, caratterizzato da pioggia, neve e vento gelido. A disposizione per tutte le gare i tecnici del Soccorso Alpino, in particolare della stazione di Pordenone, della Valcellina e di Maniago che hanno collaborato nella organizzazione dei soccorsi con i tecnici del Veneto. Distribuiti su tutte le cime, forcelle e sulle discese in particolare. La sicurezza durante la competizione è stata garantita dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) in conformità ad uno dei suoi compiti istituzionali, alle esclusive competenze dei suoi tecnici nella movimentazione su terreno innevato e per il suo ruolo di supporto al personale sanitario in un ambiente ostile. Inoltre, trattandosi di una gara, che l'altra settimana, si è svolta al di fuori delle piste battute del comprensorio sciistico, la presenza del CNSAS ha garantito, anche in caso di slavina, un qualificato e tempestivo intervento per il soccorso e la messa in sicurezza degli atleti eventualmente travolti. Tutti i tecnici del Soccorso Alpino, infatti, sono addestrati ad operare in eventi valanghivi per la ricerca di persone travolte grazie anche all’ausilio di particolari dotazioni dedicate a tale scopo come strumenti di ricezione segnali ARTVa e il sistema RECCO, un moderno strumento adoperato in tutto il mondo da gruppi di soccorso organizzato che utilizza le applicazioni della tecnologia del “radar armonico”, mediante particolari dispositivi definiti “detettori”, per la ricerca professionale di dispersi e sepolti in valanga in grado di individuare anche persone sepolte non provviste di strumento ARTVa. Ma l'impegno va oltre, infatti gli stessi tecnici del CNSAS, spesso fanno parte anche della organizzazione e quindi già giorni prima, o prima della gara c'erano da tracciare tutti i percorsi gara. Già alle cinque del mattino di ogni giorno di gara, Briefing , composizione delle squadre e zaino in spalla con i propri materiali di soccorso e barelle, zaino medico con i dovuti presidi sanitari e via con lo spirito di chi, queste cose le fa per passione, dove dietro non c'è un compenso ( forse un “gadget”) , forse neanche gli atleti e i loro allenatori sanno quello che c'è dietro a tutto questo. Ore di salita con gli sci da scialpinismo, carichi, per dare garanzia con la nostra presenza, poi la discesa sempre carichi, dopo ore di pazienza e freddo per aspettare fino l'ultimo atleta. Ma noi non ce ne curiamo, continuiamo ad andare avanti con impegno e serietà, come ci ha insegnato la montagna.

Soccorso Alpino FVG

Alcune immagini raccolte dai tecnici del Corpo nazionale Soccorso Alpino e Speleologico del Friuli Venezia Giulia durante le operazioni di soccorso alla popolazione del centro Italia colpita duramente dal terremoto e dalle forti nevicate di metà gennaio 2017. Oltre 20 volontari della nostra Delegazione hanno prestato la loro opera per il trasporto di generi di prima necessità e messa in sicurezza di persone e animali nelle frazioni colpite dal sisma e solate a causa della neve. 

 

 

spiro_dalla_porta_Xydias"Scalata all'Infinito" è uno dei titoli di Spiro Dalla Porta Xydias, e lui, la sua, l'ha ultimata il 18 gennaio 2017, a pochi passi dalla soglia dei cento anni.

Nel settembre del 2016 la Stazione del Soccorso Alpino di Trieste – insieme alla Delegazione Regionale del Friuli Venezia Giulia – ha potuto festeggiare con lui, che ne è stato il fondatore, i 60 anni dell'operatività. E anche questo è stato un traguardo significativo. Ciascuno lo potrà ricordare per un gesto, una parola detta o scritta, uno sguardo sorridente (come quello di uno dei suoi ritratti più recenti, di Piero Pausin). Qualcuno magari anche per una salita compiuta insieme (l'ultima arrampicata l'aveva fatta a ottant'anni, sulla "via dei Tedeschi" al Chiadenis).

Il Soccorso Alpino lo ricorda attraverso le ultime parole dell’intervista sull’aiuto in montagna, rivolte proprio ai volontari del sodalizio a cui era legato: «Quello che non deve cambiare è lo slancio, la motivazione interiore, profonda per cui fai il soccorritore. Quella ciascuno deve trovarla, deve cercarla, rinnovarla. È una motivazione che nasce all’incrocio tra il senso dell’elevazione e quello della solidarietà: a questo incrocio alle volte un uomo capisce di dove diventare alpinista e un alpinista si ricorda di dover essere anzitutto un uomo». Arrivederci Spiro, anche per te è arrivato il tempo della salita da cui non si scende, perché ci si trattiene senza fine in contemplazione dell’Infinito. CNSAS Friuli Venezia Giulia.


 

Chiusaforte

SOCCORSO ALPINO FVG: BOLZONELLO, GRATITUDINE AI VOLONTARI

Chiusaforte (UD), 27 agosto - "Un profondo senso di gratitudine va a coloro che offrono il proprio impegno e il proprio tempo per aiutare gli altri, a quelli che sono sui luoghi colpiti dal sisma per prestare soccorso allepopolazioni dell'Italia Centrale e a quelli che sono rientrati da poche ore. Ma oltre al ringraziamento c'è l'impegno a fare di più per tutti voi perché ciò che date è a favore della popolazione del Friuli Venezia Giulia".

Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello rivolgendosi ai tanti volontari presenti ieri nella Sala consiliare del Municipio di Chiusaforte in occasione della serata dedicata al servizio regionale del Soccorso alpino. Una serata, moderata dal giornalista Lorenzo Padovan, arricchita dal racconto di Roberto Sgobaro che ha ripercorso i suoi 45 anni di soccorsi e i 30 anni da capo stazione del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) in provincia di Pordenone e da un filmato esplicativo sul CNSAS.

Bolzonello ha ribadito, inoltre, l'importanza di continuare a insegnare e a trasmettere i valori insiti nel Corpo nazionale e su questo si è soffermato Sgobaro che ha voluto diffondere al nuovo direttivo del Soccorso, ai capi stazione, a tutti i soccorritori del FVG il messaggio "di portare avanti con convinzione e altruismo l'operato di questo Corpo che si distingue come un Corpo speciale non professionista ma altamente professionale". Il suo primo intervento nel 1971 e il primo da capo stazione nel 1984 sono stati solo alcuni degli episodi della sua lunga esperienza, che ha voluto condividere.


Durante la serata - aperta da Fabrizio Fuccaro, primo cittadino di Chiusaforte - Giorgio Giacomini, volontario del CNSAS, ha illustrato la situazione del Soccorso alpino descrivendo le attività della delegazione FVG sul territorio: vigilanza e prevenzione degli infortuni in ambiente impervio, nelle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche oltre che soccorso degli infortunati e recupero dei caduti.


I numeri si concretizzano nei 275 volontari del servizio regionale, attivo in regione da 62 anni, con nove stazioni alpine (Forni Avoltri, Forni di Sopra, Moggio Udinese, Cave del Predil, della Valcellina, Maniago, Pordenone, Udine, Trieste), quattro di soccorso speleologico (Pordenone, Gorizia, Udine, Trieste) e 11 unità cinofile impegnate ad Amatrice dove, fino all'altra sera, hanno prestato solidarietà anche Daniele Mozzi, Claudio Boscariol, Luca Zanette, Lanfranco Pighin che erano presenti a Chiusaforte.


Nel quinquennio dal 2011 al 2015 sono stati effettuati dalle stazioni 1.050 interventi che hanno soccorso 1.232 persone. I dati più recenti, invece, dall'inizio dell'anno a oggi registrano 122 operazioni di soccorso con 153 persone soccorse e il recupero di 21 salme. L'elicottero è stato impiegato 64 volte, utilizzando in parte il mezzo del 118 e in parte quello della Protezione civile regionale. Per quanto concerne le tipologie di intervento, il 45 per cento dei casi ha riguardato l'ambito dell'escursionismo, seguito dalle ferrate (9 per cento) e dall'alpinismo (7 per cento).


Infine, ha espresso riconoscenza a Sgobaro anche Vladimiro Todesco, presidente del CNSAS FVG, sottolineandone le qualità morali, l'impegno e la capacità di mettersi in discussione evidenziando come nei 30 anni in cui era capo stazione "ha saputo guardare avanti e innovare, dando prestigio a tutto il servizio di Soccorso alpino regionale".

 

 

Il Soccorso alpino di Cave del Predil ha recuperato questo pomeriggio due alpinisti di Udine che erano rimasti bloccati sulla cresta di uscita del Monte Mangart, in territorio italiano.
P. C. (cognome) del 1969 e L. F.del 1988, rispettivamente marito e moglie residenti a Udine, erano partiti questa mattina dal rifugio sloveno sotto la montagna a quota 1906 metri con l'obiettivo di raggiungere la cima percorrendo l'ascensione legati in cordata e attrezzati con piccozze, chiodi da ghiaccio e muniti di tutto l'occorrente ad una scalata invernale.

Venerdì 16 dicembre alle 19.45 la trasmissione Meteoweekend condotta su Telefriuli da Marco Virgilio, dedicherà una puntata di un’ora al fondamentale ruolo svolto dal Soccorso Alpino del Friuli Venezia Giulia (CNSAS FVG) negli ambiti di competenza su terreni impervi e in quota.

13 dicembre 2016. Alle 18.25 di oggi il Soccorso Alpino di Forni Avoltri è stato allertato dal 118 per un intervento in Comune di Paluzza. Nella frazione di Casteons un abitante del luogo D. Z. (cognome) E. (nome) del 1949 era caduto per cinque metri sotto la scarpata a lato della strada e chiamava aiuto. Un passante del posto lo ha sentito

foto gruppoSi è tenuta a Moggio Udinese paese natale di Maurizio Antoniutti classe 1947, la cerimonia per il prestigioso traguardo di 50 anni continuativi di appartenenza al CNSAS. Maurizio per gli amici il Mizio ha anche ricoperto la carica di Capo Stazione, ed è sempre stato parte attiva della stazione. Durante i vari interventi i relatori lo hanno descritto come persona umile e molto disponibile. Molto toccante l’intervento diMarcello Bulfoni suo compagno di cordata che ha raccontato le loro salite e le giornate trascorse sulle loro montagne. Il Presidente Regionale del CNSAS ricorda l’impegno dei volontari che operano sul territorio sia per soccorrere alpinisti, escursionisti in difficoltà, ma anche per soccorrere persone e lavoratori che quotidianamente lavorano e popolano le nostre valli. Ne vari interventi viene anche sottolineata la

Mercoledì 7 dicembre ore 18.30 nel Centro aggregazione giovanile “Romano Treu” di Moggio Udinese il Soccorso terrà una cerimonia per festeggiare i cinquant’anni di attività nel CNSAS del moggese Maurizio Antonutti. Di anni sessantanove Antonutti è il primo dei tecnici del CNSAS regionale a raggiungere

Domenica 4 dicembre si è tenuta nella stazione sciistica di Piancavallo (PN) una importante esercitazione del Soccorso Alpino (C.N.S.A.S.) con prove di evacuazione degli impianti a fune del comprensorio. Vi hanno preso parte ventisette tecnici del soccorso delle stazioni di Pordenone, Maniago e Valcellina, coordinati dal capostazione Luca Diana. Alle porte della stagione invernale, come ogni anno, il Soccorso Alpino effettua

Si è concluso attorno alle tre del mattino di lunedì 5 dicembre l'intervento del CNSAS - FVG di Forni di Sopra che si era messo sulle tracce dei due ragazzi carnici che non erano rientrati a casa domenica 4 dicembre dal Gruppo del Monfalcon di Forni. M. (nome) P. (cognome) del 1990 di Tolmezzo e A. C., del 1993 di Preone, sono stati ritrovati alle 00.40 al Bivacco Marchi Granzotto da una

Sabato 3 dicembre 2016 presso la Fiera di Udine si è tenuta la XVIII Giornata del Volontario di Protezione Civile. Organizzata dalla Protezione civile della regione, la manifestazione ha visto un’intensa partecipazione del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Friuli Venezia Giulia che vi ha preso parte con sessanta uomini provenienti da tutte le stazioni regionali del CNSAS. La Protezione Civile si avvale della collaborazione di diversi importanti

Sono stati recuperati questa mattina dall’elicottero del 118 i tre escursionisti bloccati poco sotto la cima del Monte Frugna nel Gruppo del Col Nudo, in Comune di Claut(PN), sopra la Val Chialedina. E’ stata una brutta avventura per un uomo di Roncade L. (nome) F. (cognome) (del 1952), del CAI di Fiume e due sorelle di Mestre F.(nome) B. (cognome) (del 1973) e A. B. (del 1982), del CAI di Venezia, che hanno trascorso la notte all’addiaccio ad una quota di

Questo pomeriggio attorno alle 15.30 il Soccorso Alpino della Valcellina è stato allertato per una richiesta di aiuto sul Monte Frugna, nel Gruppo del Col Nudo, in Comune di Claut(PN), sopra la Val Chialedina. L’allarme è stato lanciato al 118 da tre escursionisti di Mestre (VE), due donne e un uomo, che hanno dichiarato di trovarsi bloccati ad una quota di

Statistica degli interventi di Soccorso Alpino dal 1983 al 2015.

Leggi tutti i dettagli...

 

 

 

 





 

esercitazione-ricerca-cnsas_2016Si sono tenute oggi, domenica 6 novembre 2016, a Sutrio le esercitazioni regionali programmate dal CNSAS del Friuli Venezia Giulia. Le esercitazioni si sono svolte in forma ridotta e senza la prevista partecipazione dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Protezione Civile e del Corpo Forestale Regionale a causa delle avverse condizioni meteo e per l'impossibilità di operare sul campo, ma portando comunque a termine una buona parte del programma attraverso una simulazione delle ricerche al chiuso. In questo modo i tecnici di ricerca si sono potuti ugualmente attivare attraverso degli interventi di ricerca di persone disperse in simulazione. E soprattutto si sono potuti attuare i moduli formativi di ricerca per i nuovi OSA (Operatori del Soccorso Alpino) che sono entrati a far parte del Corpo regionale. Si tratta di dieci giovani tra i venti e i trentacinque anni d'età. Per diventare OSA questi giovani hanno seguito un percorso di formazione lungo e complesso che comprende dieci moduli sul campo (tra cui quello estivo e invernale, sanitario, di ricerca, con elicottero e così via). Ora sono a tutti gli effetti abilitati ad operare durante gli interventi di ricerca del Soccorso Alpino, apportando nuova energia al corpo regionale. Le esercitazioni del CNSAS sono sempre un momento importante di verifica e di ripasso e sono fondamentali per l'interazione e il coordinamento tra le squadre in una tipologia di intervento che sul campo è sempre molto complessa. Melania Lunazzi

3 nov 2016, il corpo di un alpinista austriaco, Stefan Pessernig, poliziotto di Klagenfurt del 1975, è stato trovato senza vita ai piedi delle pareti ovest del Pal Piccolo, zona di arrampicata situata poco sopra al Passo Monte Croce Carnico dalle squadre del Soccorso Alpino italiano e austriaco. La stazione del CNSAS di Forni Avoltri era stata allertata alle 21 dal centro interforze di Tarvisio, dal quale i gruppi di polizia austriaca, italiana e slovena collaborano, con la denuncia di scomparsa dell'uomo.

Si è concluso verso le 16.20, con un lieto fine, l'intervento di ricerca dell'uomo disperso sulla diga del Vajont. I.(nome) G. (cognome), del 1963, di Fiume Veneto aveva scritto un messaggio alla moglie inviandole un autoscatto dal proprio cellulare sulla diga con dichiarati istinti suicidi e lasciando effetti personali in vista nella sua auto chiusa, prima di allontanarsi. Sul posto sono intervenuti

Il Soccorso Alpino della Valcellina è stato allertato intorno alle 13 dai Carabinieri per la ricerca di un disperso. Si tratta di un uomo, che questa mattina ha inviato poco prima di far perdere le proprie tracce una fotografia alla moglie scattata con il proprio telefono, in cui si ritrae in un autoscatto in prossimità della diga del Vajont. L'automobile dell'uomo è stata trovata nel

Si chiamava Cecilia Hilbert, nata nel 1952 a Vipiteno e residente a Coseano, la escursionista scivolata lungo la discesa dal sentiero del monte Plauris questo pomeriggio. I tecnici del Soccorso Alpino di Gemona l'hanno trasportata per 400 metri di dislivello con la barella e le lampade frontali a Casera Ungarina, dove la salma ha proseguito il rientro con un automezzo. La donna era in compagnia di

Alle 14.50 di oggi le squadre del Soccorso Alpino delle stazioni di Gemona e Forni Avoltri sono state contattate per un intervento di soccorso sul sentiero del Lago dei Tre Comuni, in Comune di Cavazzo. I tecnici del Soccorso Alpino hanno recuperato lungo il sentiero, assieme agli uomini della Guardia di Finanza intervenuti anch'essi sul posto, una donna, L. G (nome) L. (cognome), 57 anni, di

La sala operativa della Protezione Civile regionale del Friuli Venezia Giulia ha convocato una unità cinofila del Soccorso Alpino del Friuli Venezia Giulia sui luoghi del sisma, in Umbria. L'esperto cinofilo, Daniele Mozzi, è accompagnato dal suo cane Kelpi, pastore australiano di colore nero, operativo sia su terreno alpino che su macerie, e partirà tra poco dall'elibase di Tolmezzo con un elicottero della

La Stazione.del Soccorso Alpino di Trieste è stata allertata intorno alle 13 a seguito di una.chiamata del 118 per un intervento di soccorso in Napoleonica. Una donna triestina del 1928, G. D., e'  precipitata lungo la scarpata mentre scattava una fotografia. La donna era in compagnia del figlio che ha tentato di raggiungerla invano, ferendosi a sua volta. La donna è precipitata per

E' stato ritrovato questa mattina alle 10.50 dagli uomini del Soccorso Alpino di Forni Avoltri il corpo di R. Z.. L'uomo, classe 1971, originario di Talmassons, mancava da casa da venerdì 21 ottobre e la sua scomparsa era stata denunciata ai carabinieri di Mortegliano sabato. Ieri sera è stato individuato dalla Guardia di Finanza il suo furgone da lavoro sulla strada forestale che porta

Intorno alle 18 sono state allertate le squadre della stazione di Soccorso della Valtellina per una chiamata arrivata al 118. Una persona di sesso maschile ha subito una probabile distorsione al ginocchio a quota 1200 metri lungo il sentiero 903 che collega Erto al Monte Cornetto. Due uomini sono partiti subito per raggiungere l'infortunato lungo il sentiero, mentre la squadra con la

Risolti i tre interventi di soccorso in atto dalle 15 in tre diverse zone della regione. A Trieste è stata individuata la famiglia dispersa sul sentiero sopra Malchina, nel Carso triestino, si tratta di padre (M. G.) e madre (L. P.) con bambino, che hanno allertato il soccorso avendo perso l'orientamento. Sono stati riaccompagnati dai cinque tecnici del soccorso alla loro

Il CNSAS del FVG organizza due giorni di esercitazione di volo notturno in collaborazione con il 5° reggimento aviazione dell’Esercito “Rigel” di Casarsa. Gli addestramenti si terranno con gli elicotteri militari modello Augusta Bell 205.
Tale velivolo è l’unico elicottero militare in dotazione al reggimento friulano adibito per il trasporto del personale del Soccorso Alpino e che può fungere da eliambulanza. Le esercitazioni si terranno martedì 18 ottobre e giovedì 20 ottobre dalle 18.30. Ai volontari e tecnici del CNSAS verranno forniti gli elementi base sul funzionamento dell’elicottero AB 205 e le modalità operative per il volo notturno. Quest’ultimo ha come sostanziale differenza rispetto al volo diurno l’impiego di luci speciali in dotazione ai volontari del CNSAS (luci tattiche Cyalume) e l’uso di particolari equipaggiamenti. I piloti e i tecnici di bordo infatti indossano un

E' stato recuperato attorno alle 18 dai tecnici del CNSAS di Forni Avoltri l'escursionista che aveva lanciato grida di aiuto in corrispondenza della zona boschiva nei pressi del bivio per la Val di Preone, sopra l'abitato di Pozzis di Verzegnis. Si tratta di un giovane cacciatore del posto, D.B. L., di anni 28, che era rimasto bloccato in fondo ad un ripido canale con bassa vegetazione.

Intervento di soccorso in comune di Frisanco (PN) delle squadre del Soccorso Alpino di Maniago e dei Vigili del Fuoco per un escursionista che aveva smarrito l'orientamento andando in cerca di castagne. L'uomo, R. W., 58 anni residente a Prata di Pordenone, ha allertato il 115 alle 11.30 con il proprio telefono cellulare raccontando di essersi smarrito a causa delle fitta nebbia in località Valdestali. Era partito in compagnia del figlio e di un amico dalla cava del San Lorenzo lungo una traccia di sentiero per cacciatori.

C.N.S.A.S. Servizio Regionale Friuli Venezia Giulia - C.P. 19, 33010 Osoppo (UD) C.F. 93008660305 - ..:: Layout dk2011 ::..